Home

Preseleziona la ricerca

Alla scoperta dell'Antica Roma lungo la Strada dell'Olio

Un tour di 30 km attraverso tre splendidi siti di epoca romana, testimonianze di un antico e fiorente popolo, da Cantalupo in Sabina a Mompeo, riscendendo lungo il corso del Tevere, alla scoperta di tre incantevoli borghi medievali che custodiscono le tracce di un grande passato. Non mancherà una piccola sosta per assaggiare lo splendido olio della Sabina DOP.
 
Da Cantalupo in Sabina a Mompeo passando per Montopoli in Sabina.

  • Artistici - Culturali
  • Natura e Relax
  • Moto
  • Automobile

immagine della tappa a Cantalupo in Sabina – Il Tulliano

Immagine di Cantalupo in Sabina – Il Tulliano Da Roma raggiungiamo attraverso la A1 – uscita Ponzano Romano - la graziosa località di Cantalupo in Sabina, sulla valle del Calentino, adagiata su un colle tra i Monti Sabini e il fiume Tevere. E’qui che entriamo subito “nel vivo” del nostro itinerario con la visita al Complesso archeologico del Tulliano. L’area di 2 ettari, ubicata su una collina a circa 2 km dal centro abitato, ospita gli importanti resti di una villa rustica romana di età adrianea, appartenente alla gens Tullia di cui è possibile ancora ammirare porzioni di colonne, una zona termale, un pozzo, il criptoportico, il giardino pensile circondato dalle antiche mura e la Casa dei Ruderi.
 

immagine della tappa b Montopoli in Sabina – Villa Romana di Varrone

Immagine di Montopoli in Sabina – Villa Romana di Varrone Ci rimettiamo in marcia sulla SR 313 per raggiungere Montopoli in Sabina. Qui visiteremo i “Casoni”, ruderi di una villa rustica romana del II sec a.C. appartenuta a Terenzio Varrone. Il sito lo raggiungiamo da Poggio Mirteto, precisamente da Piazza Martiri della Libertà prendiamo Via Matteotti in direzione Poggio Catino. Pochi metri e giriamo a destra in via G: Felici. Superata la piazzetta del borgo di San Valentino, 250 mt e imbocchiamo a destra via San Cosimo. Dopo circa 1 km parcheggiamo in prossimità di un casolare e prendiamo a piedi una strada bianca che ci porta ai ruderi. Qui ammiriamo i resti di una lussuosa abitazione che sorgeva su un’area di un ettaro, notando la presenza di marmi, mosaici e preziosi intonaci dipinti. In realtà la zona è tappezzata di aree archeologiche meno rilevanti come la Villa degli Emili, i Grottoni, le Torrette e altri pochi resti di Ville Romane.

immagine della tappa c Mompeo – Monumenti funerari a torre e Ponte sul Farfa

Immagine di Mompeo – Monumenti funerari a torre e Ponte sul Farfa Scendiamo infine nel mondo degli “inferi” nei dintorni di Mompeo, dove sono ancora in piedi alcuni monumenti funerari di epoca romana, parzialmente avvolti dalla natura circostante. Numerosi anche i reperti rinvenuti nel corso degli scavi in quest’area, tra cui urne cinerarie, resti di ossa umane, gemme e calchi di gesso a forma di testa. Torniamo indietro verso Montopoli e all’incrocio imbocchiamo a destra via Casalina. Raggiunto il centro di Mompeo possiamo subito ammirare il primo dei quattro nuclei, nei pressi del piazzale dell’ex scuola media del paese. Caratterizzati da strutture in calcari bianchi, calcari con selci, travertino e in calcestruzzo sono a forma di “torre”, una tipologia molto utilizzata in Sabina. Visitiamo gli altri nella campagna circostante. Il secondo è il Nucleo in Località "Palombara” che consta di due blocchi ubicati uno sul lato destro, l’altro sul sinistro, lungo la strada per Mompeo, mentre in Località “La Chiusa” troviamo un terzo nucleo. L’ultima torre funeraria denominata "Madonna del Mattone" si trova in prossimità del bivio fra la SP Tancia per Rieti e la diramazione per Mompeo. Prima di ripartire, nei dintorni dell’ultimo monumento, possiamo fermarci al Ristorante pizzeria da Ciccio, immerso in vallate di ulivi, per assaggiare le specialità della zona condite con l’olio della Sabina DOP. Impossibile, infatti, dimenticare che stiamo viaggiando lungo la Strada dell’Olio e dei Prodotti Tipici della Sabina”. Tornando verso Roma, in direzione Castelnuovo di Farfa, salutiamo la Roma Tiberina ammirando i suggestivi resti del Ponte sul Farfa, in gran parte nascosto dalla natura avvolgente, ma ancora imponente.

italiavirtualtour.it consiglia

Lascia un commento


Notice: Undefined index: displayCookieConsent in /var/www/vhosts/italiavirtualtour.it/httpdocs/inc/footer.php on line 140